La torta magica di Albus Silente

Ho da sempre immaginato il mio blog come un diario corale, con pagine scritte a più mani, fatto di parole che non fossero solo le mie: rendere il blog un luogo più nostro!

Ho deciso di fare entrare chi mi segue da tempo, chi seguo da tempo. E’ un legame particolare quello che si crea con i lettori: mi pare di percepire istantaneamente chi condivide i miei sapori, cosa solletica di più il palato, permetterei di farmi ordinare un piatto al ristorante e saprei che ne condividerei la scelta.

Mi piacerebbe conoscere più ricette, più preparazioni, abbinamenti insoliti, ricette della tradizione e non, che non seguano necessariamente i trend dettati inevitabilmente dal frullatore dell’internet. Quante cose buone ci sono ancora da scoprire? Ecco, io voglio scoprirle insieme a voi! Senti di avere la ricetta giusta per noi? Dai avanti! Ti aspetto! Si prepara #insiemeamichelotta!

E’ il potere dei social, bellezza!

Questa nuova sezione del blog era, in verità, già partita qualche anno fa con la #socialricetta (trovavo però ci fosse troppa spersonalizzazione nel pubblicare una ricetta – sicuramente valida – ma di cui non conoscevo il risultato all’assaggio). Oggi ho deciso di darne un nuovo corso: la ricetta questa volta la preparo anche io!

Oggi è il turno di Annalisa, su IG @annurka che mi ha regalato una torta propriamente magica, di quelle che si sciolgono in bocca, come per magia! Non vi dirò di più, non si svelano mai troppi particolari!

La TORTA MAGICA DI ALBUS SILENTE

  • 100 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • 200 g di zucchero semolato
  • 3 uova
  • 100 ml di latte
  • 250 g di farina 00
  • una bustina di lievito per dolci
  • 2 cucchiai di cacao amaro

    Monta il burro (con lo sbattitore elettrico) finché diventa soffice e cremoso, dopodiché versa lo zucchero e lavora l’impasto fino a renderlo spumoso; aggiungi le uova uno per volta aspettando che il precedente s’incorpori bene. Setaccia la farina e unisci all’impasto intervallando con i 100 ml di latte; poi aggiungi il lievito per dolci. Infine dividi l’impasto in due ciotole, in parti uguali, e ad una di queste aggiungi 2 cucchiai di cacao amaro in polvere setacciato e un goccio di latte, amalgama gli ingredienti.Imburra ed infarina una tortiera di 24 cm di diametro e versa al centro 2 cucchiai di impasto chiaro, aggiungi, sempre al centro, 2 cucchiai di impasto scuro e procedi alternandoli in questo modo fino a che non saranno terminati, andando a creare dei cerchi concentrici. Inforna la torta a 180° in forno statico preriscaldato per circa 40 minuti.

Quasi diplomatica con crema pasticciera al limoncello

L’ultima creazione mi sembra sempre la più bella.

Questa ricetta fa tanto famiglia, già nelle proporzioni si presenta in un formato gigante, utile per una festa di compleanno (vedi il mio caso) o per un pranzo all’aperto con gli amici (puoi superare anche il piattino di servizio ché puoi mangiarla semplicemente con le mani).

L’ho definita una quasi diplomatica perché non è una vera e propria diplomatica. Si compone di due strati di pasta sfoglia leggermente zuccherati, si infila dentro una crema pasticciera aromatizzata al limoncello intermezzata da classicissimi savoiardi imbevuti in una bagna al limoncello, of course (chiamasi legge della coerenza!)

Il savoiardo non l’ho inserito per creare una variante wow, ma semplicemente perché mi piace trovare escamotage per ridurre i tempi di realizzazione, anche perché molto onestamente ai tempi di preparazione in cucina vanno inseriti anche i tempi di pulizia della stessa! 😉

RICETTA QUASI DIPLOMATICA CON CREMA PASTICCIERA AL LIMONCELLO

  • 2 rotoli di pasta sfoglia rettangolare
  • latte o panna per spennellare
  • zucchero semolato q.b. per spolverare
  • 1 litro di latte fresco
  • 100 gr di farina
  • 200 gr di zucchero
  • la scorza di 1 limone bio
  • 2 tazzine di limoncello (o crema al limoncello)
  • 8 tuorli
  • 40 gr di burro
  • 2 pacchetti di savoiardi
  • per la bagna: 150 ml di acqua, 50 gr di zucchero, buccia di limone, limoncello q.b.
  • per la finitura: zucchero al velo q.b. , scorzetta di limone

Srotola la pasta sfoglia, spennella del latte e distribuisci uniformemente dello zucchero semolato. Bucherella la superficie con i rebbi di una forchetta. Sposta la sfoglia nel forno preriscaldato a 200 gradi e fai cuocere fino a doratura – per una riuscita perfetta non appena la pasta gonfia, adagia sopra una gratella metallica -. Sforna e ripeti l’operazione con la seconda sfoglia.

Prepara la crema: monta i tuorli con lo zucchero, aggiungi la farina e aggiungi il latte precedentemente portato a bollore con la buccia di limone. Mescola bene e sposta sul fuoco portando a cottura la crema. Aggiungi il burro freddo a cubetti e le tazzine di limoncello. Amalgama bene e lascia raffreddare – meglio se trasferisci la crema in un contenitore riponendolo in frigo -.

Prepara la bagna: porta a bollore l’acqua con lo zucchero e la buccia di limone. Spegni e aggiungi il limoncello nella quantità desiderata.

Assembla la torta: poggia su un vassoio capiente la sfoglia rustica, distribuisci la metà della crema pasticciera al limoncello e livella bene con una spatolina o un coltello a lama lunga; imbevi i savoiardi nella bagna e distribuiscili sulla crema, aggiungi l’altra metà della crema e completa con la seconda sfoglia rustica.

Metti in frigo a rassodare per alcune ore. Al momento di servire spolvera con zucchero al velo e a piacere della buccia di limone.

Crostata con confettura di lamponi

Con questa ricetta ho voluto inaugurare il mio nuovo stampo con fondo removobile che trovo adorabile e semplicemente geniale aka se non ce l’hai dovresti averlo! Avrei dovuto utilizzarlo per il mio compleanno per realizzare una crostata con cottura in bianco, ma poi, ho virato sulla chiffon cake, ricetta che trovo ugualmente su-bli-me – vi assicuro non è un’ auto-iniezione di entusiasmo!-
Poi il richiamo di una confettura di lamponi in frigo ha dato in là ad una crostata stre-pi-to-sa (arridaje!)

Faccio una piccola confessione: non sono brava con i reticoli delle crostate, dunque ripiego quasi sempre sui cosini per tagliare i biscotti, il risultato oltre che mooolto scenografico è a prova di riuscita!

Ritorno alla ricetta della crostata con confettura di lamponi…in realtà potresti prepararla con qualsiasi altra confettura o marmellata, ma quella di lamponi la trovo spettacolare: sa di fresco, leggermente acidula e al gusto la trovo incantevole. Fossi in te correrei il rischio di accendere pure il forno!

RICETTA CROSTATA CON CONFETTURA DI LAMPONI

  • 300 gr di farina 00
  • 150 gr di zucchero
  • 150 gr di burro
  • 2 tuorli + 1 uovo intero
  • 1/2 bustina di lievito
  • 350 gr di confettura di lamponi

Fai la frolla: in una planetaria poni la farina e il burro freddo a pezzettini e mescola con la frusta piatta, subito dopo aggiungi anche lo zucchero fino a formare un composto simile a sabbia fine.

Aggiungi i tuorli e le uova intere leggermente sbattute, metti in azione la planetaria giusto il tempo che si formi un composto abbastanza uniforme (negli ultimi istanti aggiungi pure il lievito).

Raccogli il composto e mettilo in frigo per almeno 1/2 ora.

Imburra e infarina uno stampo rettangolare con fondo amovibile di circa 30 cm di lato.

Riprendi l’impasto dal frigo, spolvera la farina e con un matterello (e se vuoi con l’aiuto di carta forno) stendilo in un rettangolo sufficientemente grande a ricoprire la superficie e i bordi dello stampo. Sposta la frolla stesa nello stampo ed elimina le eccedenze (con quelle ricaverei i cuoricini!)

Bucherella la base della frolla con i rebbi di una forchetta e aggiungi la confettura distribuendola uniformemente. Reimpasta velocemente la frolla avanzata e con un tagliabiscotti a forma di cuore ricava dei cuoricni (stendi la frolla più sottilmente rispetto alla base).

Sposta i cuoricini sulla crostata e cuoci in forno preriscaldato statico a 180 gradi per 40 minuti.

Note. Tagliala a quadrotti e conserva in frigo! 😉

Pasta pizza!


Di pizza non se ne ha mai abbastanza.

Nasce da questa pretesa la ricetta della pasta pizza: goduriosa al punto giusto e velocissima da realizzare. Alla vista e nel gusto ricorda molto da vicino la pizza margherita e credo seriamente possa provocare parecchia dipendenza!

Qui dei maccheroncini al ferro in versione pizza: invitantissimi e golosissimi! La particolarità sta nella cottura: a fuoco altissimo nella parte bassa del forno prima e poi grill sparato sopra, proprio come cucino la pizza!! 😉

Puoi scegliere il formato di pasta che preferisci (in questo caso ti suggerisco di usare un formato liscio che assorbe meno i condimenti e non asciuga troppo nella cottura in forno!). Per il resto non devi cuocere nemmeno la salsa: va messa a crudo!

Cioè… io correrei subito a prepararla! Buona domenica amici!

RICETTA PASTA PIZZA by Michelotta
  • 400 gr di pomodori pelati
  • 4 cucchiai di olio
  • 400 gr di pasta al ferretto
  • 250 gr di scamorza dolce
  • Grana grattugiata q.b.
  • Origano, sale q.b, 1 cucchiaino di zucchero, basilico a piacere
  • Burro q.b.

Frulla i pomodori pelati con un mixer e condisci con l’olio, l’origano, il sale, 1 cucchiaino di zucchero e tieni da parte. Prepara la salsa con molto anticipo così insaporisce! 😉
Cuoci la pasta al dentissimo, scolala e condisci con una parte della salsa e con una bella manciata di grana. Imburra uno stampo da pizza da 28 cm, rovescia la pasta e adagia sopra la parte restante della salsa.
Metti in forno alla massima potenza per 15 minuti. Poi estrai la teglia e metti sulla superficie la scamorza a fettine, irrora con un filo di olio e metti in forno a gratinare.
Spegni quando è ben gratinato!!

Baci michelotta!

Mini cheese cake ricotta e panna

Oggi vi lascio una ricettina che ho preparato quasi due mesi fa, mi verrebbe da dire tempus fugit – rispolverando il mio latino da sempre arrugginito – , che poi questa massima è assimilabile alla più abusata carpe diem con cui pian pianino sto prendendo confidenza!

Queste minicheese cake le ho preparate per un’occasione speciale: il compleanno di mia zia, quando eravamo ancora in pieno lockdown e dietro richiesta di un video collettivo di auguri ho pensato di regalarle, seppure virtualmente, questo dolcino veloce da realizzare davvero in pochissimi passaggi.

Quello che devi fare: comprare una ricotta di qualità e montare la panna! Non ho utilizzato colla di pesce (dal momento che si tratta di mini porzioni puoi tranquillamente bypassarla), utilizzi lo stampo da muffin per realizzare le dimensioni mini del cheesecake e utilizzi la frutta di stagione che più ti piace, ricordandoti di mixare frutti dal sapore acidulo per creare un contrasto con il dolce della crema. Passo direttamente alla ricetta!

RICETTA MINI CHEESECAKE RICOTTA E PANNA

  • 130 gr di biscotti digestive
  • 65 gr di burro
  • 200 ml di panna fresca
  • 250 gr di ricotta vaccina di qualità
  • 80 gr di zucchero al velo

Per il topping: frutta a piacere (arance, kiwi, frutta rossa)

Trita i biscotti nel mixer e uniscili al burro sciolto, creando una sabbia fine.

Sistema dei pirottini di carta (meglio se lisci!) all’interno degli incavi di uno stampo da muffin. Metti in ciascun pirottino un cucchiaio di biscotti e compatta con il dorso del cucchiaio. Sposta lo stampo in frigorifero e nel frattempo occupati della crema.

Monta la panna e tieni da parte. Lavora la ricotta con lo zucchero al velo e poi unisci la panna muovendoti con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare il composto. Riprendi lo stampo da muffin e adagia su ciascuna base di biscotto la crema di panna e ricotta suddivendola per 12 (le dosi sono matematicamente perfette!)

Completa con la frutta e sposta il tutto in frigorifero a rassodare (diciamo per almeno 3 ore!)

p.s. puoi aggiungere gli aromi che più ti piacciono: buccia di limone, cannella, cardamomo per esempio. A me piacciono così in purezza!

Baci michelotta

Cheese cake con coulis di ciliegie

Questa è la ricetta che preparo da tantissimo tempo, da quando in pratica ho scoperto come fare un cheese cake freddo (per la versione tradizionale in forno il link è qui). Niente di troppo complicato: solo una serie di passaggi da seguire e accortezze da osservare.

  1. E’ fatto imprescindibile usare uno stampo a cerniera (è importante per l’operazione di “liberazione” del cheese cake dallo stampo e per preservare intatta la sua forma)
  2. Utilizzo della colla di pesce (seppur in quantità minima, lo decidi tu) per ovviare ad un effetto troppo scomposto del cream cheese.
  3. Il tempo di riposo in frigo: direi almeno 6 ore!

Per il resto: devi tritare i biscotti e amalgamarli al burro (semplice no?), montare la panna (con le fruste elettriche, mica ti ho detto a mano!), lavorare il Philadelphia con lo zucchero (dici che è faticoso?!) e poi versare il tutto sulla base di biscotto!

Eh eh… credevi fosse tutto così sfacciatamente facile? E invece a complicarmi la vita c’ha pensato il coulis di ciliegie: è di certo la parentesi più noiosa di tutta la preparazione, ma vi assicuro, vi darà moooolta soddisfazione! Va detto che anticipare la preparazione del coulis è di certo una mossa vincente: la salsa prende una consistenza ovviamente più densa.

Per essere più precisi, io utilizzo uno stampo a cerniera di 24 cm di diametro: il risultato è chiaramente un cheese cake più basso (dato che canonicamente va utilizzato uno stampo di 20 al massimo 22 cm), ma io lo trovo giusto anche per ricavare più porzioni!

Dai, passo alla ricetta!

INGREDIENTI CHEESE CAKE CON COULIS DI CILIEGIE

  • 250 gr di biscotto digestive
  • 100 gr di burro sciolto dolcemente
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 500 gr di Philadelphia a temperatura ambiente
  • 200 ml di panna fresca
  • 120 gr di zucchero al velo
  • 8 gr di colla di pesce
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • la buccia di un limone bio q.b.

INGREDIENTI per IL COULIS DI CILIEGIE

  • 300 gr di ciliegie denocciolate
  • 1/2 limone (il succo)
  • 80 gr di zucchero

per decorare ciliegie fresche

Inizia a preparare il coulis di ciliegie. Versa le ciliegie in un pentolino insieme allo zucchero e al succo di limone, fai cuocere per 15 minuti su fiamma bassa, poi frullalo con un mixer a immersione e dulcis in fundo ripassa questo concentrato di ciliegie attraverso le maglie di un colino. Fai raffreddare e poi trasferisci in frigorifero.

Prepara la base del cheese cake tritando i biscotti con un cucchiaio di zucchero, unisci il burro e mescola con un cucchiaio fino a formare una sabbia fine. Versa il composto sulla base dello stampo e poi compatta con il fondo di un bicchiere. Trasferisci la base in frigorifero.

Nel frattempo occupati del cream cheese.

Metti in ammollo la colla di pesce in un piccolo contenitore con dell’acqua.

Lavora il Philadelphia con 50 gr di zucchero al velo, la vaniglia e la buccia di limone, e tieni da parte.

Monta la panna (!!!metti da parte due cucchiai in un pentolino: servirà per stemperare la colla di pesce) con la restante parte dello zucchero al velo. Nel frattempo strizza la colla di pesce dall’acqua e uniscila alla panna, sposta il pentolino sul fuoco e falla sciogliere dolcemente.

Unisci la colla di pesce alla crema di Philadelphia, incorpora pure la panna montata zuccherata a amalgama bene i due composti: hai ottenuto il cream cheese!

Versa sulla base il cream cheese, livella bene e sposta in frigorifero per tutta la notte o almeno per 6 ore.

Poco prima di servire versa il coulis di ciliegie sul cheesecake e decora con ciliegie fresche. Quando sporzioni poni su ciascuna fetta di cheese cake una ciliegia – vedrai l’effetto wow è garantito!-

E’ tutto! Baci Michelotta!

Torta soffice con mele-cocco-ricotta

Le mie ricette seguono sempre of course i cambi di stagione, ma vi dirò di più… sono spesso allineate al meteo delle singole giornate, in un clima impazzito che oramai non rispetta più il canonico ciclo delle stagioni (o chiamiamolo predefinito flusso da calendario). Questa ricetta – torta soffice con mele, cocco e ricotta -condensa appieno sapori che riuniscono almeno tre stagioni!

E’ un tempo un po’ bizzarro: un po’ autunno, un po’ primavera, un po’ quasi estate. E così anche la torta si adatta a questa altalena meteo! 😅

Quella che ho preparato giorni fa è una deliziosa torta di mele, ricotta e cocco che sintetizza perfettamente la vivacità dell’estate, la morbidezza dell’autunno, la freschezza della primavera! Io la trovo fantastica, al di sopra delle mie aspettative: e per questo finisce su Erbacipollina!

Ho già detto che è fan-ta-sti-ca?

RICETTA TORTA SOFFICE CON MELE COCCO RICOTTA

  • 3 uova
  • 180 gr di zucchero
  • 160 gr di farina 00
  • 80 gr di farina di cocco
  • 100 gr di ricotta
  • 80 gr di burro molto ammorbidito
  • 1 bustina di lievito
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • buccia di limone bio
  • un pizzico di sale
  • 2 mele grandi più succo di limone

Pulisci le mele e tagliale a fette, irrora con succo di limone e tieni da parte.

Lavora le uova con lo zucchero con le fruste fino ad avere una leggera schiumetta (non montarle troppo!), aggiungi un pizzico di sale, un cucchiaino di vaniglia e la buccia di limone.

Poi lavorando dolcemente aggiungi la ricotta e il burro molto morbido. Aggiungi la farina setacciata, la farina di cocco, il lievito, muovendoti con movimenti dall’alto verso il basso.

Metti il composto in una tortiera di 26 cm e distribuisci le fettine inserendole nell’impasto a raggiera. In forno per 35/40 minuti a 170 gradi. Sfornate e distribuite altra farina di cocco.

Vedi qui sotto altre ricettine! Alla prossima, baci michelotta!

Ultimi Articoli

La torta magica di Albus Silente

Ho da sempre immaginato il mio blog come un diario corale, con pagine scritte a più mani, fatto di parole che non fossero solo le mie: rendere il blog un luogo più nostro! Ho deciso di fare entrare chi mi segue da tempo, chi seguo da tempo. E’ un legame particolare quello che si crea […]

Quasi diplomatica con crema pasticciera al limoncello

L’ultima creazione mi sembra sempre la più bella. Questa ricetta fa tanto famiglia, già nelle proporzioni si presenta in un formato gigante, utile per una festa di compleanno (vedi il mio caso) o per un pranzo all’aperto con gli amici (puoi superare anche il piattino di servizio ché puoi mangiarla semplicemente con le mani). L’ho […]

Crostata con confettura di lamponi

Con questa ricetta ho voluto inaugurare il mio nuovo stampo con fondo removobile che trovo adorabile e semplicemente geniale aka se non ce l’hai dovresti averlo! Avrei dovuto utilizzarlo per il mio compleanno per realizzare una crostata con cottura in bianco, ma poi, ho virato sulla chiffon cake, ricetta che trovo ugualmente su-bli-me – vi […]

Pasta pizza!

Di pizza non se ne ha mai abbastanza. Nasce da questa pretesa la ricetta della pasta pizza: goduriosa al punto giusto e velocissima da realizzare. Alla vista e nel gusto ricorda molto da vicino la pizza margherita e credo seriamente possa provocare parecchia dipendenza! Qui dei maccheroncini al ferro in versione pizza: invitantissimi e golosissimi! […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Treccia rustica al cioccolato (speedy)

 

Hai presente quelle ricette per cui non serve nemmeno la ricetta? Non sono necessari tanti preamboli: basta comprare un rotolo di pasta sfoglia e due tavolette di cioccolato – l’unico impegno è non rubarne nemmeno un quadratino! -.

Perfetta per la colazione, per una merenda last-minute, per una coccola all day long, trovo questa treccia rustica al cioccolato una vera furbata! Non credi?

Quello che devi fare è srotolare il rotolo di pasta sfoglia su un piano, posizionare le due tavolette di cioccolato da 100 gr l’una, rimboccare il lato di sopra e di sotto della sfoglia sul cioccolato (eliminando l’eccedenza di pasta sfoglia), incidere i lati con dei tagli trasversali e poi intrecciare (non devi essere troppo preciso, in cottura sboccerà un capolavoro!) Puoi spennellare la treccia con un uovo ben battuto o semplicemente lucidarla con un goccino di latte, spolverare zucchero semolato o di canna per ottenere quell’effetto crunchy che tanto ci piace!

ça va sans dire, in forno fino a doratura – 180 gradi per una ventina di minuti! –

Puoi rendere golosissima la tua treccia rustica al cioccolato scegliendo la varietà che più ti piace: per me pistacchio is the next! Of course!

Prendi ispirazione da altre ricettine, che vedi qui sotto!

 

E…se non vuoi perderti le mie evoluzioni in cucina, ti aspetto su INSTAGRAM

 

 

La ricetta dei burger buns di Laurel Evans

Era da tempo che scrutavo la ricetta dei burger buns, poi  in un pomeriggio della settimana scorsa ho deciso di passare all’azione…avevo sì tutti gli ingredienti per la realizzazione dei buns, ma non disponevo di tutti gli ingredienti per la farcitura…eh vabbè direbbe qualcuno più perspicace e saggio di me “non si può avere tutto nella vita…” 😉

Dico solo che la ricetta dei burger buns di Laurel Evans è fantastica e non ha bisogno di troppe presentazioni: soffici al punto giusto e strutturati, perfetti per contenere e reggere tutto il bendidio che vorrai mettere all’interno per creare i tuoi  succulenti hamburger – nella versione con carne -, o più salutari burger – nella variante veg – , o intriganti fish-burger – nella più trendy versione di mare -. Vi assicuro che questa ricetta non la lascerete più!

Conquistata la realizzazione dei burger buns, sono passata allo studio dell’ABC dell’assemblaggio perfetto dell’hamburger e ho pensato che mi/ci/vi  potrebbe tornare utile per le mie/nostre/vostre hamburger parties!

Ho messo giù una sorta di anatomia dell’hamburger perfetta: un’osservazione scientifica della morfologia delle diverse parti che lo compongono per rendere indimenticabile la nostra esperienza. Ma quanto mi/ci/vi divertiamo?!!

SPOILER. le ricerche non si definiscono concluse: ciascuno può contribuire allo studio definitivo! 

Leggi questo estratto condensato negli 8 punti e sotto segue la ricetta dei burger buns.

  1. La carne dell’hamburger (un mix di controfiletto, collo e fiocco con una percentuale di grasso fino al 30 %) con cui andrete a formare il patty il cui spessore si attesta sui 2 cm, non va mai salata prima della cottura, ma solo dopo vanno aggiunti sale e pepe.
  2. La cottura del patty è di circa 8 minuti su griglia. Va formato un piccolo avvallamento con il dorso di un cucchiaio o con le dita per evitare un rigonfiamento durante la cottura.
  3. Negli ultimi istanti di cottura va aggiunto sopra il patty il cheddar e la griglia va coperta con un coperchio per aiutare lo scioglimento del formaggio.
  4. Il burger va diviso a metà e tostato per alcuni minuti dalla parte della mollica.
  5. Non va MAI messa sulla base del buns (ovvero quella a contatto con il patty) alcun tipo di salsa, ma solo sulla base del coperchio del panino!
  6. La costruzione dell’hamburger è: pane, patty+cheddar, insalata lattuga romana (stropicciata tra le mani), fettine di pomodoro ramato, fettine di cipolla rossa e bianca lasciate in ammollo in acqua fredda, salse (a piacere mayonese, ketchup, senape per restare basici.
  7. Fra gli extra: cetriolini e bacon belli croccanti!
  8. Dunque riepilogando: patty, formaggio, insalata, pomodoro, cipolla, salse!
burger_buns_ricetta

RICETTA BURGER BUNS DI LAUREL EVANS

  • 180 ml di acqua tiepida
  • 30 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • 1 uovo
  • 450 gr di farina manitoba
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 bustina di lievito di birra secco (7 gr)

per la copertura

  • 1 uovo sbattuto con un cucchiaino di acqua
  • sesamo

Mescolate tutti gli inngredienti per l’impasto e lavoratelo per circa 10 minuti fino a quando diventa soffice e liscio.

Mettetelo in una ciotola leggermente unta di olio e coprite con un canovaccio. Lasciatelo lievitare per 2 ore, finché raddoppia di volume.

Sgonfiate leggermente l’impasto e rovesciatelo su una spianatoia infarinata. Formate un panetto (dai una forma leggermente allungata) e tagliatelo in 8 pezzi (6 se vuoi più grandi).

Formate con ciascun pezzo una pallina (rovesciando al di sotto i lembi e creando una leggera tensione) e poi pirlate tra le mani.

Poggiate le palline direttamente sulla teglia ricoperta con carta forno e appiattite con la mano (deve risultare un diametro di circa 8 cm). Infarinate leggermente e coprite con pellicola trasparente.

Lasciate lievitare per un’ora, finché sono ben gonfi.

Preriscaldate il forno a 190 gradi.

Spennellate i panini con l’emulsione di 1 uovo e 1 cucchiaino di acqua, poi spolverate con i semini di sesamo.

Cuocete nel forno già caldo finché sono dorati per circa 15 minuti.

Sfornate e lasciate raffreddare su una gratella.

ricetta_burger_buns