Sbrisolona alle noci (a modo mio)

Pochi ingredienti e di qualità sono il mio must in cucina. Qualcuno le chiamerebbe ricette sciuè sciuè – modo di dire che rende bene l’idea di immediatezza e facilità di preparazione -. Non so bene se la mia è pigrizia o voglia di aguzzare l’ingegno, in fondo mi piace pensare che un po’ tutti abbiamo bisogno di ricette che adottano il principio del minimo sforzo (e spesa!) e massima resa.

Faccio un giro in dispensa, una capatina al super, rovisto nel mio bagaglio dei desideri quello di cui ho voglia e aspetto che qualcosa mi venga in mente. Così nascono le mie ricette: un po’ per caso, un po’ cuore e un po’ testa.

Uno dei prodotti di cui non so fare a meno nei dolci è il burro, rende appetibile e carico di umori tutto ciò che incontra. Adoro la frutta secca – noci, mandorle, uvetta, nocciole per citare le mie preferite -. Impazzisco per i dolci da dispensa, da mangiare a colazione, a merenda e contrari a qualsiasi formalismo nel servizio.

La sbrisolona alle noci è da mangiare con le mani e pure con le dita! E’ un dolce rustico, casalingo e pieno di gusto. Ho presto spunto dalla famosa sbrisolona alle mandorle, ma l’ho modellata a mio gusto e l’ho adattata nelle dosi così da renderla facile anche nella preparazione.

INGREDIENTI  SBRISOLONA ALLE NOCI

125 g di burro

125 gr di zucchero

125 g di farina 00

125 di farina di mais

1 uovo 

sale q.b.

125 g di noci spezzettate 

sbrisolona alle noci.jpg

PREPARAZIONE

Metti in una ciotola il burro freddo a cubetti, lo zucchero, le farine e il sale. Con le punta delle dita amalgama gli ingredienti.

Aggiungi le noci e l’uovo leggermente sbattuto e forma delle briciole sollevando e comprimendo l’impasto.

Sposta le briciole in una teglia ricoperta di carta forno.

Inforna a 170 gradi per circa 40 minuti.

Sforna, lascia raffreddare completamente, spolvera con un tocco di zucchero al velo e servi.

Annunci

Patate hasselback (detto tra noi a fisarmonica!)

Ritorno sul blog per darvi un saluto veloce e non solo di circostanza (hey, è quasi Natale!) e lasciarvi una delle ultime ricettine che ho preparato. Ho pensato che se non sono così poi tanto brava a buttare giù sul blog un vero e proprio menu per il Natale, almeno un’ideuzza di quelle facili, veloci e scenografiche ve la devo proprio.

Più difficile a scriversi che a farsi – le patate hasselback – sono il contorno perfetto per le festività natalizie per portare in tavola il tubero più amato da tutti, in una versione davvero strabiliante: ne vedrete di occhioni incuriositi… 😉

Tanto sono belle, tanto sono buone: una adorabile unione di morbido e croccante e il gusto inconfondibile dell’aglio e del rosmarino rendono davvero uniche queste patate.

Pochi semplici ingredienti e passaggi: bastano patate (e aromi), uno stecchino di legno per spiedini (da inserire longitudinalmente nella patata sarà la vostra linea guida ;)), un coltello ben affilato e un po’ di precisione!

Siete pronti?

IMG_20171203_164041_782

INGREDIENTI PER PATATE HASSALBACK

8 patate medio/piccole

2 spicchi di aglio in camicia

ramoscelli di rosmarino

sale, olio e pepe q.b.

PREPARAZIONE

Sciacqua bene le patate (non servirà sbucciarle). Inserisci nella patata in senso longitudinale a circa un centimetro dalla base uno stecchino. Con un coltello ben affilato incidi la patata con tagli distanziati di pochi millimetri.

Procedi allo stesso modo con il resto delle patate. Spostale in una bacinella affinché perdano l’amido in eccesso.

Con l’aiuto di un pennello spennella bene le patate con l’olio, inserisci tra i tagli ciuffetti di rosmarino, regola di sale e pepe (abbonda pure).

Sposta le patate in una teglia con carta forno, irrora ulteriore olio, aggiungi l’aglio schiacciato e in camicia e metti in forno a 200 gradi per un’ora: le patate risulteranno morbide e con una deliziosa crosticina.

Il Plumcake

Il plumcake simile a quello di quella famosa casetta…

È la ricetta che ho pescato parecchi anni fa sul forum Cookaround – quando i blog erano ancora in fasce –  e che conservo gelosamente su un foglio bianco volante, ormai sporco di schizzi di farina e uova, scritto a matita chissà perché -forse avrei voluto operare delle modifiche?-.

No, questa è una ricetta che va lasciata così com’è, perfettamente bilanciata nel gusto e nella consistenza. Qualcuno mi ha detto “lascia la bocca buona” e qualcun’altro mi ha insegnato che questa in termini tecnici è chiamata “persistenza”.

Intanto, lascia la bocca buona rende esattamente l’idea…

Sapete che con il nuovo corso del blog, il mio intento è quello di trasferire tutte le ricette che mi hanno accompagnato da quando questa passione della cucina si è impossessata di me. Molte delle vecchie ricette erano cadute nel dimenticatoio, perché la voglia di scoprirne di nuove, per forza di cose, fa dimenticare quelle vecchie – e detto tra noi,  fare passi indietro, per me, in questo momento non sarebbe nemmeno lontanamente terapeutico! ;)-

Ok diciamo allora che ogni tanto farò un passettino indietro. E intanto metto già un passettino in avanti:  oggi  preparò una lasagna con zucca butternut, prosciutto cotto e mozzarella – in perfetto bilanciamento tra vecchio e nuovo!- 😉

Intanto, vi lascio la ricetta del plumcake.

Buona domenica a tutti voi!

plumcake mulino bianco

INGREDIENTI PER PLUMCAKE

  • 250 gr di farina
  • 200 gr di zucchero
  • 3 uova
  • 1 vasetto di yogurt gusto albicocca
  • 100 gr di olio di arachide
  • 50 gr di burro
  • 30 gr di latte
  • 1 pizzico di sale
  • 1 busta di vanillina (semi di vaniglia o 1 cucchiaino di estratto di vaniglia)
  • 1 bustina di lievito per dolci

PREPARAZIONE
Batti uova e zucchero fino a formare una crema densa, unisci il burro battendo bene.

Aggiungi  lo yogurt (sceglilo al gusto albicocca -è importante!- e se vuoi aggiungine anche due vasetti!)

Aggiungi al composto il latte, la vanillina e il sale.

Incorpora farina e lievito per setacciati e mescola lentamente con l’aiuto di un frustino.

In ultimo unisci l’olio e mescola fino ad ottenere una pasta morbida e lucida.

Versa l’impasto in uno stampo da plumcake rivestito di carta forno (o imburrato e infarinato).

Metti in forno a 160/170 gradi per 50  minuti.

Strudel di mele con frolla

Ci sono ricette che mi spiazzano nella loro purezza di sapori: è lo strudel di mele con frolla. Un’ aura di delicatezza si combina all’aspetto dolcemente rustico, una commistione di generi che rendono speciale questo dolce alle mele.

Siamo abituati a conoscere lo strudel nella versione con un impasto simile ad una sfoglia, (qui l’ho fatto nella versione di Pellegrino Artusi) o nelle dinamiche salva-tempo un po’ tutti ricorriamo alle sfoglie già pronte, ma questa declinazione dello strudel di mele con frolla resta davvero sorprendente e in assoluto la mia preferita.

strudel di mele con frolla

Ho approfittato del post di Monica di Un biscotto al giorno, per rubare un po’ della magia che lei ha vissuto qualche giorno fa in un maso con tanto di preparazione dello strudel di mele dell’Alto Adige nella versione frolla.

Vado al sodo con la ricetta (ci sono alcune mie modifiche -non significative-)!

INGREDIENTI STRUDEL DI MELE CON FROLLA

  • 125 gr di burro
  • 125 gr di zucchero
  • parte bacca di vaniglia, solo i semi
  • 1 uovo grande
  • 250 gr di farina
  • 4 gr di lievito
  • un pizzico di sale
  • 5 gr di pangrattato

 

  • Per il ripieno: 3 mele, 1 cucchiaio di uvetta, 1 cucchiaio di zucchero, 1/2 cucchaino di cannella, buccia di limone

 

  • zucchero al velo per spolverare

PREPARAZIONE

In una ciotola versa la farina, unisci il burro freddo tagliato a pezzetti e lavorando con la punta della dita forma un composto simile alla sabbia. Unisci l’uovo, lo zucchero, i semini di vaniglia, il sale, il lievito e impasta fino ad ottenere un composto omogeneo.

Sposta la frolla su una spianatoia leggermente infarinata e lavora fino a formare una palla, avvolgila in un foglio di carta forno e metti in frigo a rassodare.

(Ho eliminato rispetto alla ricetta originale il latte preferendo utilizzare un uovo grande ed ho eliminato la scorza del limone utilizzandola invece nel ripieno di mele).

Nel frattempo affetta sottilmente le mele (devono essere quasi trasparenti!) e spostale in una ciotola. Aggiungi un cucchiaio di zucchero, la cannella, la buccia di limone e l’uvetta precedentemente ammollata e strizzata in acqua tiepida. Mescola con un cucchiaio e lascia riposare.

(Io ho utilizzato mele rosse e delle mele limoncelle, che hanno dato un umore davvero speciale al ripieno! ;))

Riprendi la frolla, stendila (sulla stessa carta forno) con l’aiuto di un matterello in una sfoglia rettangolare, spolvera il pangrattato sull’intera superficie e rovescia il composto di mele al di sopra. (Appiattisci delicatamente le mele al fine di formare uno strato uniforme).

Partendo dall’alto della sfoglia forma un rotolo, chiudi bene ai lati e fai aderire bene, in modo che il ripieno non fuoriesca in cottura.

Sposta lo strudel su una leccarda e cuoci in forno a 180 gradi fino a doratura (circa 35 minuti).

Sforna, lascia intiepidire e spolvera con zucchero al velo.

Puoi servire lo strudel con della panna montata o della crema pasticciera! 😉

 

Hot milk sponge cake di Tish Boyle

A volte mi chiedo che forma ha la perfezione.

Dicono non esista.

La verità, quella vera, è che ognuno ha una dimensione propria dell’essere perfetto.

Vi sto abituando a conoscermi attraverso le ricette: quelle che amo, quelle con cui sono cresciuta, quelle che scopro, quelle che ancora devono venire. Non programmo più l’uscita dei post: loro arrivano quando sentono, così naturalmente.

E così naturalmente e inaspettatamente è arrivata questa ricetta –hot milk sponge cake di Tish Boyle-.

Delicata, leggera, regale, candida.

E’ la mia idea di perfezione.

hot milk sponge cake Tish Boyle.jpg

*Le ricette sul web, così come nella vita reale arrivano attraverso il passaparola. Negli anni ho affinato le mie fonti e colgo gli spunti che arrivano da quelle persone che hanno un particolare feeling con la mia idea di cucina. Questa volta il suggerimento è arrivato da Claudia del blog La Femme du Chef, con il rimpallo alla ricetta della hot milk sponge cake de la Ciliegina sulla torta.

Per semplificazione è una sorta di ibrido fra un pandispagna con più struttura e una soffice torta margherita. Ma credo sia molto di più.

Da mangiare in purezza, accompagnata a salse o base per la farcitura: perfetta e passe-partout  come solo una camicetta bianca sa essere! 😉

INGRIEDIENTI PER HOT MILK SPONGE CAKE DI TISH BOYLE

ricetta adattata tratta da “The cake book” di Tish Boyle.

Per una tortiera di 20/22 cm di diametro

  • 120 g di latte fresco intero
  • 60 g di burro
  • 165 g di farina debole
  • 6 g di lievito per dolci
  • 165 g di zucchero
  • 3 uova medie a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (in assenza usa la tanto odiata bustina di vanillina ;))
  • un pizzico di sale

 

Setacciare  due volte la farina con il lievito ed il sale e mettere da parte. Versare il latte ed il burro in un pentolino e scaldare fino a quando il burro non sarà completamente sciolto. Montare le uova in planetaria (o con le fruste elettriche) per circa un minuto a velocità medio-alta, aggiungere lo zucchero in più riprese e montare fino a quando la massa non avrà triplicato il suo volume iniziale e risulterà chiara e spumosa (circa 10 minuti). Con l’aiuto di una spatola incorporare delicatamente la farina nella massa montata, in tre riprese, con movimenti dal basso verso l’alto. Scaldare nuovamente il latte con il burro, prima che raggiunga il bollore versare nel composto (io ho preferito versarlo in due riprese) ed  incorporarlo utilizzando la spatola. Versare in uno stampo rivestito con carta forno e cuocere in forno preriscaldato a 175°C per 25-30 minuti.

 

 

Torta di mele soffice all’olio di oliva

Alcune ricette sul mio blog hanno un’ incubazione lunghissima: ho fatto questa torta nel febbraio dello scorso anno, ma doveva superare una seconda prova. Avevo appuntato diverse modifiche, ma non ricordavo più quale versione fosse quella giusta. L’ho rifatta qualche settimana fa e me ne sono completamente innamorata. Questa è una ricetta di torta di mele semplice, con l’olio di oliva, rustica q.b. e con le meline solo in superficie.torta di mele soffice all'olio di oliva.jpg

Le torte di mele sono per me una vera e propria scoperta negli ultimi anni, sono passata ad averne un’autentica adorazione. Complice la stagione, su giornali, blog, feed dei social è tutto un pullulare di torte di mele, me ne innamoro e covo l’idea di prepararle TUTTE, intendo proprio TUTTE!

Qui, è dove vi lascio i link delle torte di mele che ho avvistato sul web e che devo assolutamente fare (o rifare). Eccole!

LA TORTA DI MELE SOFFICE di Sarah di Fragole e Limone: una combinazione meravigliosa di mele, burro e confettura di albicocche dall’aspetto invintantissimo.

LA TORTA DI MELE E MANDORLE ALLA NORMANNA CON FROLLA AL CACAO AMARO di Cristina di Contemporaneo Food: una deliziosa variante di torta di mele dalla tripla consistenza.

LA TORTA DI MELE E RICOTTA 2.0 di Vaniglia Cooking: una variante deliziosa con ricotta, mele e mandorle.

LA TORTA DI MELE INVISIBILI di Terry di Peperoni e Patate: una magica torta di mele che si dissolve  in strati meravigliosamente goduriosi.

LA TORTA DI MELE ALLA VANIGLIA di Laura Adani: la meraviglia delle meraviglie (questa l’ho già fatta!) 😉

L’APPLE PIE di Cavoletto: la regina incontrastata delle torte di mele targate USA

Intanto vi lascio la ricetta, quella semplice (direi anche ai confini del banale) della mia torta di mele soffice all’olio di oliva, che è il giusto compromesso fra bontà e leggerezza!

Un bacio!

 TORTA DI MELE SOFFICE ALL’OLIO DI OLIVA

Lavora bene con un frullino 150 GR di zucchero con 2 uova e un tuorlo (più pizzico di sale). Aggiungi 240 gr di farina setacciata con 12 gr di lievito, unendo a filo 100 gr di latte ad alta digeribilità e 60 gr di olio di oliva buono. Lavora il composto tenendo le fruste a bassa velocità fino ad ottenere un composto morbido. Affetta 3 mele sottilmente e irrorale con qualche goccia di succo di limone. Sposta il composto in una tortiera rettangolare e distribuisci sulla superficie le mele e poi 1 cucchiaio raso di zucchero semolato e qualche fiocchetto di burro. Cuoci a 170 GR per circa 30 minuti. Sforna e lascia raffreddare su una gratella.
N.b. Usa delle mele succose e mature e gioisci! 😜😘