Sbrisolona alle noci (a modo mio)

Pochi ingredienti e di qualità sono il mio must in cucina. Qualcuno le chiamerebbe ricette sciuè sciuè – modo di dire che rende bene l’idea di immediatezza e facilità di preparazione -. Non so bene se la mia è pigrizia o voglia di aguzzare l’ingegno, in fondo mi piace pensare che un po’ tutti abbiamo bisogno di ricette che adottano il principio del minimo sforzo (e spesa!) e massima resa.

Faccio un giro in dispensa, una capatina al super, rovisto nel mio bagaglio dei desideri quello di cui ho voglia e aspetto che qualcosa mi venga in mente. Così nascono le mie ricette: un po’ per caso, un po’ cuore e un po’ testa.

Uno dei prodotti di cui non so fare a meno nei dolci è il burro, rende appetibile e carico di umori tutto ciò che incontra. Adoro la frutta secca – noci, mandorle, uvetta, nocciole per citare le mie preferite -. Impazzisco per i dolci da dispensa, da mangiare a colazione, a merenda e contrari a qualsiasi formalismo nel servizio.

La sbrisolona alle noci è da mangiare con le mani e pure con le dita! E’ un dolce rustico, casalingo e pieno di gusto. Ho presto spunto dalla famosa sbrisolona alle mandorle, ma l’ho modellata a mio gusto e l’ho adattata nelle dosi così da renderla facile anche nella preparazione.

INGREDIENTI  SBRISOLONA ALLE NOCI

125 g di burro

125 gr di zucchero

125 g di farina 00

125 di farina di mais

1 uovo 

sale q.b.

125 g di noci spezzettate 

sbrisolona alle noci.jpg

PREPARAZIONE

Metti in una ciotola il burro freddo a cubetti, lo zucchero, le farine e il sale. Con le punta delle dita amalgama gli ingredienti.

Aggiungi le noci e l’uovo leggermente sbattuto e forma delle briciole sollevando e comprimendo l’impasto.

Sposta le briciole in una teglia ricoperta di carta forno.

Inforna a 170 gradi per circa 40 minuti.

Sforna, lascia raffreddare completamente, spolvera con un tocco di zucchero al velo e servi.

Annunci

Crostatine di frolla al mais con confettura

La Vigilia, il Natale, S. Stefano, il Capodanno e i giorni a seguire sono stati un vero e proprio tour de force in cucina con tanto di piatti tradizionali pugliesi, incursioni mangerecce interregionali e variegati assaggi di prodotti dolciari artigianali. Va da sé l’urgenza di riallineare la mia dieta alimentare con un necessario alleggerimento dei pasti e dare un tiepido benvenuto al tanto osannato quanto temuto detox – che per me vuol dire bere tanta acqua, eliminare l’assunzione di dolci e bevande zuccherate, ridimensionare la carne rossa e i carboidrati prediligendo riso in bianco, verdure, pesce e carne bianca. Insomma niente di troppo complicato! –

Uno dei capisaldi del mio detox è quello di stare quanto più lontano possibile dalla cucina e da nuove preparazioni, rinviandone la messa in opera di qualche settimana: capirete che in casa o fuori casa le tentazioni di un mezzo cornetto al bar, di residui di panettoni pandori e compagni dopo pranzo, il richiamo delle ultime mandorle con il cioccolato della zia, la scoperta o l’arrivo nei tempi di recupero di pacchetti sfiziosi scovati nei cesti di Natale, minano pesantemente l’ortodossia del detox. Diciamo pure che il mio detox è moderatamente detox, alla faccia degli integralisti! 😉

Insomma tutto questo popò di discorso per dire che sono ritornata all’opera con un dolcetto niente male: una frolla al mais con cui ho realizzato delle sfiziosissime crostatine farcite di confettura di fragole e fragoline di bosco. Una frolla di un giallo intenso, senza glutine e dalla consistenza setosa, in una parola me-ra-vi-glio-sa!

crostatine di frolla al mais con confettura.jpg

INGREDIENTI PER CROSTATINE DI MAIS CON CONFETTURA

250 g di farina di mais

125 g di burro

100 g di zucchero al velo

5 g di lievito per dolci

3 tuorli

confettura di fragole e fragoline di bosco q.b. (diciamo 12 cucchiaini da caffè)

 

PREPARAZIONE

Versa in un ciotola la farina di mais, unisci il burro freddo a pezzetti e forma con le dita un composto sabbioso. Incorpora lo zucchero al velo e i tuorli leggermente sbattuti. Unisci infine il lievito e amalgama gli ingredienti.

Sposta il composto su una spianatoia e lavora velocemente fino a formare un panetto.

Trasferisci la frolla al mais in frigo per 20 minuti avvolta nella pellicola trasparente.

Riprendi la frolla e stendila su un foglio di carta forno leggermente infarinato e con un coppapasta del diametro di 7 cm ritaglia 12 dischetti.

Adagia i dischetti di frolla all’interno di ciascun cavo di uno stampo da muffin, bucherella la superficie con i rebbi di una forchetta e sistema la confettura.

Rimpasta la frolla in eccedenza, stendila e ritaglia con dei coppasta più piccoli o con delle forme da biscotti di piccole dimensioni sistemandoli al di sopra della confettura.

Metti in forno a 180 gradi (funzione statica) per circa 20 minuti.

Sforna, lascia intiepidire e sforma le crostatine sollevandole con la punta di un piccolo coltello.

Lascia raffreddare, cospargi con zucchero al velo e servi! 🙂

 

Gamberoni gratinati al forno

Ho letto da qualche parte che la scrittura arriva prima di tutti al cuore delle cose, aggiungo che le parole scritte si insinuano come pietre miliari nei pensieri e le rendono sostanza. In fondo il senso del mio scrivere ricette è proprio lì…

Termino il 2017 con maggiore consapevolezza. Un anno in salita, di giornate a volte pesanti e indefinite. Un anno di ricerca di me. A volte di dolore. Ma anche di sollievo.

Sollievo nel sapere che nonostante tutto conservo l’innocenza di guardare il lato buono che c’è, di perdonare mancanze, di chiedere scusa e ricominciare.

Per il nuovo anno voglio di più, perché credo di meritarlo.

E lo auguro anche a voi. ❤

Vi lascio con una ricettina col botto: gamberoni gratinati al forno. Scenografica, buona e direi essenziale per salutare questo anno faticoso! 😉

IMG_20171228_100736_767.jpg

Ricetta gamberoni gratinati al forno

  • 12 gamberoni
  • pangrattato 130gr
  • sale, pepe, olio q.b.
  • origano, prezzemolo,  zeste di limone

Preparazione

Pulisci i gamberoni: sciacqua sotto acqua corrente fredda la parte superiore senza staccare completamente la testa dal corpo. Incidi il carapace con una forbice e con l’aiuto di uno stecchino elimina il filo nero.

Incidi con un coltello ben affilato lungo la traccia del budello senza tagliare il gamberone in due.

In una ciotola unisci il pangrattato, il sale, il pepe, il prezzemolo tritato, l’origano e la buccia di limone grattugiata. Aggiungi dell’olio e amalgama fino a formare un composto simile a sabbiolina bagnata.

Irrora con un filo di olio i gamberoni e disponi su ciascun gamberone la panatura.

Sposta i gamberoni su una teglia ricoperta di carta forno, irrora con ulteriore olio e cuoci in forno a 180 gradi per 20 minuti.

 

Torta di rose

Lievitati mon amour.

Di impasti da lavorare a mano. Da prendersene cura. Da amarli e coccolarli.

La torta di rose io la trovo magica: rotolini di pasta brioche farciti di una crema al burro e zucchero diventano meravigliosi boccioli dorati fragranti e deliziosi.

Risultato assicurato anche per chi è alle prime armi con i lievitati – del resto io non sono una tecnica e perciò termini come “incordare, lievito madre e pieghe” sono per me parole semisconosciute -.

Io per intenderci il panettone lo compro, ma ciò non toglie che con un po’ di olio di gomito e di quella che io chiamo “sensibilità da massaia” è possibile portare a casa un buon prodotto lievitato che non farà di te un mastro fornaio, ma di certo un bel po’ di soddisfazione la regala, questo sì! 🙂

La torta di rose è stato uno dei primi lievitati con cui mi sono cimentata ed è sorprendente farla e guardarla. Ogni volta.

torta di rose erbacipollina

Ci vuoi provare pure tu?

INGREDIENTI PER TORTA DI ROSE

  • 300 gr di farina
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • scorza di limone
  • 7 gr di lievito disidratato
  • 3 tuorli
  • 150 gr di latte
  • un pizzico di sale
  • 3 cucchiai di olio

Per farcire:

  • 150 gr di burro a pomata
  • 150 gr di zucchero

PREPARAZIONE

Setaccia la farina insieme al lievito disidratato e sposta in una ciotola. Aggiungi un pizzico di sale.

In un contenitore unisci i tuorli, il latte, la scorza di limone, lo zucchero, l’olio e sbatti leggermente con una forchetta.

Unisci questo composto alla farina e comincia ad amalgamare prima aiutandoti con una forchetta, poi sposta il tutto su una spianatoia infarinata e lavora il composto fino a quando la superficie non appare bella liscia (lavora per 10 minuti almeno).

Trasferisci l’impasto in una boule, incidi una croce con un coltello ben affilato e copri con pellicola a contatto o appoggia sopra un piatto piano.

Fai lievitare per 3 ore.

Riprendi l’impasto e stendilo in un rettangolo abbastanza grande. Spalma sull’area del rettangolo il burro e lo zucchero lavorati a crema. Arrotola e ritaglia circa quindici rotolini.

Sposta questi rotolini in una teglia rivestita di carta da forno ben distanziati tra loro.

Fai lievitare per 40 minuti circa e inforna a 180 per circa 30 minuti.

 

Patate hasselback (detto tra noi a fisarmonica!)

Ritorno sul blog per darvi un saluto veloce e non solo di circostanza (hey, è quasi Natale!) e lasciarvi una delle ultime ricettine che ho preparato. Ho pensato che se non sono così poi tanto brava a buttare giù sul blog un vero e proprio menu per il Natale, almeno un’ideuzza di quelle facili, veloci e scenografiche ve la devo proprio.

Più difficile a scriversi che a farsi – le patate hasselback – sono il contorno perfetto per le festività natalizie per portare in tavola il tubero più amato da tutti, in una versione davvero strabiliante: ne vedrete di occhioni incuriositi… 😉

Tanto sono belle, tanto sono buone: una adorabile unione di morbido e croccante e il gusto inconfondibile dell’aglio e del rosmarino rendono davvero uniche queste patate.

Pochi semplici ingredienti e passaggi: bastano patate (e aromi), uno stecchino di legno per spiedini (da inserire longitudinalmente nella patata sarà la vostra linea guida ;)), un coltello ben affilato e un po’ di precisione!

Siete pronti?

IMG_20171203_164041_782

INGREDIENTI PER PATATE HASSALBACK

8 patate medio/piccole

2 spicchi di aglio in camicia

ramoscelli di rosmarino

sale, olio e pepe q.b.

PREPARAZIONE

Sciacqua bene le patate (non servirà sbucciarle). Inserisci nella patata in senso longitudinale a circa un centimetro dalla base uno stecchino. Con un coltello ben affilato incidi la patata con tagli distanziati di pochi millimetri.

Procedi allo stesso modo con il resto delle patate. Spostale in una bacinella affinché perdano l’amido in eccesso.

Con l’aiuto di un pennello spennella bene le patate con l’olio, inserisci tra i tagli ciuffetti di rosmarino, regola di sale e pepe (abbonda pure).

Sposta le patate in una teglia con carta forno, irrora ulteriore olio, aggiungi l’aglio schiacciato e in camicia e metti in forno a 200 gradi per un’ora: le patate risulteranno morbide e con una deliziosa crosticina.

Lasagne con crema di zucca

Dice quel detto ogni promessa è debito – avevo promesso sul mio canale IG di passarvi la ricetta – e così eccomi di nuovo qui sul blog. Ho preparato questa lasagna con crema alla zucca domenica scorsa e l’ho trovata spettacolare.

Sfoglie sottili di pasta all’uovo condite con una crema alla zucca avvolgente – in pratica una purea di zucca a cui ho aggiunto del latte-, farcita con prosciutto cotto e fiordilatte.

Vi avverto che non è un piatto ricco di contrasti, ma morbido e accogliente, con un gusto direi quasi fanciullesco. E per me va bene così: le consistenze ogni tanto vanno a farsi benedire. Un perfetto comfort food autunnale.

lasagna crema di zucca

INGREDIENTI LASAGNA CON CREMA DI ZUCCA

  • 800 gr di zucca tipo butternut priva della buccia
  • 15 sfoglie sottili di pasta all’uovo
  • 300 gr di fiordilatte (sgocciolato)
  • 180 gr di prosciutto cotto
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • 200 ml di latte
  • 1 cipolla bianca piccola
  • sale, pepe, rosmarino, olio
  • fiocchetti di burro

PREPARAZIONE

Spella la cipolla, tagliala e soffriggila in un tegame con 3 cucchiai di olio, aggiungi la zucca tagliata a cubetti e lascia rosolare con un ramoscello di rosmarino. Regola di sale, poi copri con un coperchio e lascia cuocere fino a quando la zucca non diviene morbida – serviranno circa 20 minuti-, aggiungi dell’acqua solo se necessario.

Frulla la zucca con un minipimer riducendola in una purea (ricordati di eliminare il rosmarino!), aggiungi il latte, rimetti sul fuoco e lascia leggermente addensare.

Imburra uno stampo per lasagne. Versa qualche mestolo di purea sul fondo, sistema 3 sfoglie di pasta, aggiungi altra crema di zucca, la mozzarella tagliata a tocchetti e pezzetti di prosciutto cotto, spolvera con il parmigiano.

Continua allo stesso modo formando altri 4 strati.

Aggiungi fiocchetti di burro sulla superficie e sposta in forno preriscaldato a 200 gradi per 30 minuti.

Sforna lascia riposare per 5 minuti e servi (aggiungi del rosmarino per decorare e pepe macinato al momento).