Straccetti di pollo al pepe con peperone rosso

Non ho mangiato il pollo per tantissimi anni, sicuramente il mio era un tic alimentare. Avevo scoperto un pollo mangiare un vermiciattolo o qualcosa di simile – i ricordi sono poco nitidi -. Di lì la mia posizione ferrea e  decisa di non mangiare più pollo/galline e compagni, unica eccezione la carne di tacchino – ed ora mi sto chiedendo anche il perché – . Bizzarrie adolescenziali che lasciano il tempo che trovano perché questo patto contro il pollo è stato rotto da una fame, che definirei atavica (durante un viaggio), quando ad aspettarmi a destinazione c’era del divertente pollo panato.

Conclusione, ho ceduto. Ho mangiato il pollo. E superato una mia fissa.

E ammetto che ora cucinare il pollo mi piace, mangiarlo anche, a patto che sia ben aromatizzato e accompagnato da verdure o contorni – esatto, non sono il tipo da pollo lesso!-.

005

Vi lascio questa ricetta facile facile, gustosa e colorata: gli straccetti di pollo al pepe con peperoni rossi. Gli straccetti di pollo vanno leggermente infarinati, saltati con del burro e cotti per pochissimo tempo (ma nella preparazione vi spiego meglio) e infine uniti ai peperoni che vanno cucinati separatamente. Il risultato è un secondo piatto -diversamente leggero definirei- perché le cotture sono davvero veloci e lasciano i sapori al naturale. Una buona padella con un fondo doppio  ti aiuta sicuramente nell’operazione.

Risultato: straccetti morbidi con una crosticina fragrante all’esterno accompagnati da sfiziosi peperoni rossi.

INGREDIENTI PER STRACCETTI DI POLLO AL PEPE CON PEPERONI ROSSI

  • 400 gr di petto di pollo a fettine
  • 1 peperone rosso
  • 2 cucchiai di olio
  • 25 gr di burro
  • farina q.b.
  • pepe q.b.

PREPARAZIONE

  • Ricava degli straccetti con la carne di pollo. Spolvera abbondante pepe e infarina gli straccetti. Elimina quella in eccesso e tieni da parte.
  • Sciacqua il peperone, dividilo in falde e poi in striscioline sottili (taglia il peperone disponendolo sul tagliere dalla parte interna, cosi il coltello non scivola).
  • Riscalda dell’olio in una padella antiaderente ampia, aggiungi i peperoni e fai rosolare per qualche istante a fiamma sostenuta, poi regola di sale, abbassa la fiamma e fai cuocere per circa 10 minuti, rimestando di tanto in tanto. Il risultato deve essere un peperone cotto, ma ancora tenace, leggermente abbrustolito alle punte.
  • Sposta i peperoni in un contenitore e tieni in caldo.
  • Nella stessa padella aggiungi il burro, aspetta che fonda lentamente, poi in un solo strato sistema gli straccetti. NON GIRARLI SUBITO! Aspetta che si siano dorati da un lato, solo a quel punto con l’aiuto di una pinza rovesciali e fai dorare dall’altro lato.
  • Infine unisci anche i peperoni e spadella velocemente per far amalgamare i sapori.

 

 

 

Annunci

Peperoni in padella in agrodolce

Spesso in famiglia mi viene richiesta la ricetta dei peperoni in agrodolce saltati in padella.  E’ una di quelle ricette di cui ne è fiera mia mamma perchè dice di trovarli particolarmente digeribili.

Esatto, l’aggiunta dell’aceto rende “passabile” il peperone e la nota agrodolce ne smorza parecchio il sapore rendendolo un perfetto contorno o uno stuzzicante antipasto. Di solito preparo la padellata di peperoni in agrodolce in anticipo, sposto il contenuto in un barattolo di vetro grande, li compatto bene cosi che immersi completamente nel liquido del condimento si insaporiscano e poi li porto in tavola.

Io li trovo particolarmente buoni il giorno dopo: croccanti, gustosi e saporiti si sposano al massimo con la carne di maiale, con un tagliere di salumi e/o di formaggi stagionati.

Lo zucchero e l’aceto agevolano anche la conservabilità, quindi puoi riporli in frigo per alcuni giorni e non perderanno la freschezza, anzi diventeranno piu’ buoni. Gli ingredienti sono basici, non aggiungo nemmeno erbe aromatiche tanto sono già gustosi di loro.

Dall’aspetto rustico e dai sapori sinceri,  è l’asso nella manica da sfoggiare a chi dice di non digerire assolutamente peperoni…

peperoni in agrodolce

RICETTA PEPERONI IN PADiELLA IN AGRODOLCE

INGREDIENTI

  • 500 gr di peperoni (gialli verdi e rossi) già mondati
  • 4 cucchiai di olio
  • 1 spicchio di aglio
  • sale q.b
  • 2 cucchiai di aceto
  • 1 cucchiaio colmo di zucchero

PREPARAZIONE

  • In una padella capiente riscalda l’olio con lo spicchio di aglio in camicia, aggiungi i peperoni tagliati in falde e farli soffriggere per qualche istante.
  • Regola di sale, incoperchia e cuoci per 8/10 minuti circa a fiamma dolce.
  • Togli il coperchio, alza la fiamma e continua la cottura per altri 5 minuti rimestando spesso.
  • Sfuma con l’aceto, spolvera lo zucchero sui peperoni e spadella per 1 minuto circa (l’olio assumerà un colore simile al caramello).
  • Sposta in un piatto da portata o all’interno di un barattolo di vetro grande. Serviti intiepiditi restituiscono al meglio la nota agrodolce.

Pizza con peperoni saltati e gorgonzola

Nelle ultime settimane ho pubblicato soprattutto ricette tradizionali. Non è stata una scelta voluta, ma il frutto dell’andamento delle mie ultime settimane in cucina. Non cucino giornalmente, ma solo occasionalmente per il pranzo. Per la cena invece mi piace impastare la pizza (fosse per me impasterei pizza tutti  i giorni).

Il mio impasto comincia verso le 16.00 d’estate (alle 14.30 d’inverno) e lo sorveglio come se fosse un cucciolo da badare.

Mi ha da sempre ispirato il fatto che da un mucchio di farina acqua e lievito venisse fuori un panetto delle meraviglie: una base da riempire con cose semplici – anche solo olio sale e peperoncino -, classiche o condimenti piu’ goduriosi.
pizza peperoni

Oggi va di scena un topping non proprio leggerissimo – peperoni e gorgonzola -, detta alla Artusi non adatto a “stomachi deboli”, ma questo abbinamento era nei miei pensieri da un sacco di tempo.

Ho approfittato del fatto che in frigo ci fosse un bel pezzo di gorgonzola, ho avvistato due peperoni e non ho saputo resistere.

Ho fatto l’impasto della pizza e questa volta ho aggiunto acqua frizzante. Non so dare una motivazione ai legami chimici che può innescare l’acqua frizzante nel processo di lievitazione, ma il risultato dell’impasto è stato fantastico.

pizza peperoni (2)

Vi ho già detto qui che il mio rapporto con la pizza è esperienziale: mi piace fare delle piccole modifiche alla base dell’ impasto classico e verificare i piccoli cambiamenti. Vi posso assicurare che la modifica è andata a buon fine!

Un’impasto leggero si unisce diligentemente ad un ripieno goloso e godurioso.

Qualcuno può dire il contrario?!

Se utilizzi questa base di impasto, fammi sapere il risultato! 🙂

Ingredienti

per l’impasto

  • 500 gr di farina 00
  • 280 ml di acqua frizzante a temperatura ambiente
  • 10 gr di lievito di birra
  • 12 gr di sale
  • 2 cucchiai di olio

per il condimento

  • 2 peperoni (1 giallo e 1 rosso)
  • 1 spicchio di aglio in camicia
  • olio q.b.
  • sale q.b.
  • 150 gr di gorgonzola morbido

Preparazione

  • In una boule versa l’acqua frizzante e sciogli il lievito. Unisci parte della farina e comincia ad impastare, unisci il sale, l’olio e pian piano anche la restante parte della farina. Sposta l’impasto sopra una spianatoia e lavoralo velocemente, fino a formare una palla liscia ed elastica. Fai un taglio a croce, sposta l’impasto nuovamente nella boule pulita, versa un giro d’olio lungo la parete della ciotola e copri con pellicola trasparente. Fai lievitare fino a quando l’impasto sarà raddoppiato (circa 2 ore).
  • Lava i peperoni, asciugali e tagliali a strisce abbastanza lunghe. Fai saltare i peperoni in una padella con olio e aglio (circa 7 minuti) regolando di sale.
  • Riprendi l’impasto e stendilo in una teglia da forno allargandolo con le mani delicatamente. Disponi i peperoni a raggiera e il gorgonzola a tocchetti e lascia lievitare per circa 45 minuti. Prima di infornare irrora con un altro olio.
  • Metti in forno prima nella parte bassa per 8 minuti a 250 gradi, poi sposta nella parte centrale per altri 20 minuti abbassando la temperatura a 200 gradi.

Tip

Se non hai una teglia rotonda molto grande, puoi ricavare anche 2 pizze piu’ piccole, in questo caso verranno fuori un pò meno alte, ma  sicuramente piu’ croccantine.

Quando fai la pizza non lesinare nei condimenti! Consiglio che va controcorrente lo so! 🙂