Pasta con crema di patate e cavoli

Ci sono ricette di una semplicità disarmante. Eppure sorprendente.

La pasta con crema di patate e cavoli è uno dei miei primi piatti preferiti: avvolgente, saporita e ricca di gusto. Un sapore carico, denso. Semplicemente buono: la crema di patate si amalgama alla pasta e avvolge in una patina vellutata le cimette del cavolo bianco.

Mi piacciono i toni caldi e dorati che dissimulano il sapore pieno e amorevolmente rustico di questa pasta.

patate e cavoli

Preferisco usare un formato di pasta liscia: lumache, paccheri, pipe o penne candele in modo che la purea di patate avvolga la pasta senza venirne troppo assorbita. Le cimette di cavolfiore sono scottate in acqua e poi amalgamate alle patate cosi che mantengano in parte la loro croccantezza. Piccoli accorgimenti per rendere speciale questa eccezionale pasta.

Non ne farete più a meno!

INGREDIENTI PASTA CON CREME DI PATATE E CAVOLI

  • 300 gr di pasta tipo penne candele
  • 2 patate
  • 1 cavolo bianco
  • olio q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • sale, pepe (o peperoncino) q.b.

PREPARAZIONE

  • Lessa le patate calcolando 30/40 minuti dal momento del bollore.
  • Scotta le cimette di cavolfiore bianco per 8/10 minuti.
  • Pela le patate e trasferiscile in una padella capiente con dell’olio e uno spicchio di aglio rosolato. Schiaccia le patate con una forchetta, stempera con dell’acqua calda a formare una crema liscia e senza grumi.
  • Trasferisci le cimette nella purea di patate. Mescola e schiaccia il tutto con un cucchiaio di legno. Regola di sale e fai insaporire per qualche minuto.
  • Cuoci la pasta, scolala al dente e uniscila al condimento.
  • Fai insaporire a fiamma dolce per 1 minuto.
  • Impiatta, aggiungi un filo di olio e pepe macinato al momento.

TIP: Puoi risparmiare del tempo cuocendo a tocchetti le patate e utilizzare la stessa acqua di cottura per cuocere i cavoli.

Puoi aggiungere a piacimento anche del grana o parmigiano grattugiato.

 

 

 

 

Annunci

4 thoughts on “Pasta con crema di patate e cavoli

  1. Questa tua squisita ricetta mi ha portato indietro negli anni, quando mio figlio, all’asilo, non voleva mangiare i cavoli e chiamava alberelli le cimette.
    Oggi, che è cresciuto, adora i cavoli come tutti noi e quindi, appena verrà qui a pranzo con l sua famiglia prepareremo questa tua squisitezza.
    Grazie Michela carissima per il ricordo che hai suscitato in me e per il meraviglioso suggerimento fornito.

  2. Questa ricetta la trovo eccezionale e sono felice che la riproporrai assieme alla tua famiglia. Davvero mi emoziono a leggere questi commenti. Un saluto anche a tuo figlio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...