Fave e cicorie

 

 

Ci sono ricette che anche per una pugliese sono sconosciute.

Per una pugliese con una tradizione culinaria familiare molto legata a quella dell’entroterra dei monti dauni, fave e cicoria sono state per anni inaccessibili nella cucina di casa. Rifletto. E penso che i piatti tradizionali soffrano di un senso di appartenenza eccessivo e replicare una ricetta – mi avevano fatto credere- è un pò come rubare un’identità non tua, è come appropriarti illegittimamente di un’esperienza gustativa, è come dare vita ad una replica non autentica di un piatto.

Io non la penso cosi. E un giorno di qualche tempo fa, dopo alcune chiacchierate su fave e cicorie, mi sono messa in cucina e spinta dal ricordo di quei racconti ho cucinato il mio primo fave e cicorie.

Il risultato a mio avviso è eccezionale. Se disponi di un buon olio di oliva e cicorie selvatiche dai vita ad un piatto incredibilmente buono. Facile intuire che la dolcezza delle fave decorticate si incontra con la nota piccante delle cicorie. Ma solo il mio racconto non basta.

fave e cicorie 2

La preparazione è un pò lunghetta, nel senso che non cucini fave e cicorie proprio all’ultimo minuto: tieni conto dei tempi di ammollamento delle fave, della loro cottura e la mondatura delle cicorie.

Ma le cose buone a volte hanno bisogno di tempo e secondo me preparare fave e cicorie è tempo ben speso.

Un altro abbinamento piu’ curioso, ma ugualmente eccezionale – di uno chef in questo caso – è stato purea di fave, peperoni misti e uva bianca che ho provato a rifare a casa riscuotendo un ottimo successo (per realizzare devi soffriggere i peperoni tagliati in piccole losanghe e unirli ad acini di uva bianca divisi a metà a cui hai tolto i semini).

Intanto vi lascio la ricetta di questa quasi zuppa eccezionale.

INGREDIENTI PER FAVE E CICORIE

  • 320 gr di fave decorticate secche
  • 1 Kg di cicoria già mondata
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • peperoncino q.b.
  • sale q.b.
  • 1 spicchio di aglio

PREPARAZIONE

  • Metti le fave in ammollo in acqua fredda per 12 ore.
  • Scola le fave dall’acqua, trasferiscile in una casseruola con acqua fredda e metti sul fuoco. Non appena l’acqua inizierà a bollire, aggiungi una presa di sale e lascia cuocere per un’ora: le fave risulteranno tenerissime.
  • Lava la cicoria e sbollentala in acqua salata per 5 minuti. Quindi scolala e trasferiscila in una capiente padella con un soffritto di  olio, aglio e peperoncino e fai saltare qualche minuto.
  • Scola le fave – mettendo da parte un bicchiere di acqua di cottura-, spostale in un contenitore e riducile in una purea con un frullatore ad immersione, aggiungendo dell’acqua per creare la giusta consistenza. Unisci due cucchiai di olio: il risultato è una crema liscia, omogenea e senza grumi.
  • Servi. Utilizza un  comune piatto fondo o delle piccole terrine singole: sul fondo disponi la purea di fave e in superficie adagia la cicoria precedentemente saltata.
  • A piacere aggiungi un filo di olio a crudo.

Questo post partecipa al “Calendario del Cibo Italiano 2016 – AIFB” e festeggia la Giornata Nazionale di Fave e Cicorie del 18 gennaio 2016,  la cui ambasciatrice è Monica Laterza del blog a A pancia piena 

Segui gli hashtag ufficiali #aifb
#calendariodelciboitaliano
#calendarioaifb

Annunci

4 thoughts on “Fave e cicorie

  1. Se non ci fosse condivisione e scambio di ricette, rischieremmo di veder sparire la nostra tradizione legata alla cucina italiana. Ben venga la condivisione, l’appropriarsi di ricette non legate alla propria regione e credo che con questo calendario, saremo tutti più ricchi.
    Molto bello il tuo post.
    Aurelia

    1. Grazie Aurelia benvenuta sul mio blog. In questo caso mi sono appropriata di una ricetta della mia stessa regione, pensa un pò quanto è stratificata la gastronomia pugliese.

  2. Ciao Michelotta, bella anche la tua interpretazione. Vedo che tu non usi la patata insieme alle fave e la cosa bella è vedere come questa ricetta cambi a seconda della mano e della casa in cui viene preparata.
    Complimenti ancora e un abbraccio. Pat

    1. Già. Preferisco non usare la patata per mantenere la ricetta all’essenziale. La fava secca è particolarmente dolce e delicata. Io ti consiglio di provare questa ricetta perché anche per me è stata un’assoluta scoperta! Ti abbraccio e ti ringrazio per essere passata sul mio blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...