La ricetta delle cartellate

Lo scorso anno ho scritto un post sul pomeriggio delle cartellate, un post senza una ricetta. Volevo essere precisa nelle quantità e restituire una ricetta  delle cartellate quanto più fedele a quella di casa, quest’anno credo di esserci riuscita.

Un impasto a base di uova, farina e olio profumato da una punta di cannella diventa una rosa di pasta con vuoti e pieni dove far colare miele fuso: una cartellata bianca, candida e delicata.

Io le ho sempre conosciute cosi. Sono una declinazione più ricca delle più popolari “cartellate nere” ripassate nel vincotto, il cui impasto è a base di vino bianco (che per altro io adoro per la proprietà de “l’erba del vicino è sempre più verde”).

Più in là seguitemi sulla mia fanpage in modo che possiate seguire le cartellate 2015 live! http://www.facebook.com/erbacipollina

cartellate

Sono onesta nel dirvi che non mi sono mai cimentata da sola, io ho sempre fatto da assistente a mia madre, ma vi lascio alcuni tip per non sbagliare e ricavare delle cartellate perfette!

Ho indicato anche le misure della sfoglia indicative a ricavare delle cartellate di una dimensione media, ma nulla vieta di farle più piccole  o più grandi.

INGREDIENTI PER CARTELLATE

  • 5 uova
  • 650 gr di farina
  • 50 gr di olio
  • 50 gr di zucchero
  • un pizzico di cannella
  • 2 cucchiai di grappa o altro liquore secco
  • un pizzico di sale
  • una punta di un cucchiaino di lievito
  • olio per friggere
  • miele per condire 

PREPARAZIONE

  • In una ciotola montare le uova con lo zucchero e tenere da parte.
  • Formare una fontana con la farina setacciata, spostare il composto di uova al centro, aggiungere l’olio, la cannella, un pizzico di sale, il liquore, il lievito e amalgamare gli ingredienti fino a formare un composto omogeneo e liscio.
  • Lasciare riposare l’impasto sulla spianatoia coperto da una ciotola rovesciata per 30 minuti.
  • Riprendere l’impasto e ricavare delle sfoglie con l’aiuto di una sfogliatrice o di una macchinetta della pasta. Attenzione: devi ripassare più volte le sfoglie come se lavorassi una comune sfoglia di pasta all’uovo, ma non aggiungere farina! Le sfoglie devono avere la giusta umidità per procedere all'”attacco” delle cartellate perchè se fossero troppo asciutte questa operazione risulterebbe difficoltosa.
  • Una volta ricavate delle sfoglie di 30/35 cm di lunghezza, con la rotella dentellata rifilare il perimetro e ricavare delle strisce della larghezza di circa 2,5 cm. Pizzicare le strisce con l’aiuto del pollice e dell’indice a creare degli occhielli che vanno poi attorcigliati in una spirale. Spostare le cartellate su un vassoio (durante questa fase le cartellate asciugheranno e assumeranno una consistenza più asciutta)
  • Continuare allo stesso modo fino ad esaurimento dell’impasto. I ritagli vanno sempre conservati sotto un piatto e poi reimpastati.
  • Friggere le cartellate da entrambi i lati per pochi minuti fino a doratura, scolarle su carta assorbente posizionandole capovolte.
  • Condire le cartellate volta per volta solo al momento di servire con miele fuso.

 

 

Annunci

2 thoughts on “La ricetta delle cartellate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...