Elogio al pane

L’arte della panificazione, si sa, affonda a tempi millenari, oggi questa pratica trova nell’era delle donne moderne  una nuova vitalità. Già, sono loro ad entrare nel “tempio del pane”, luogo per antonomasia riservato all’uomo, in effetti il termine “fornaio” nell’accezione femminile è praticamente desueto.

Tutto ha inizio qualche anno fa, quando ad entrare nelle case degli italiani è un nuovo elettrodomestico: la macchina del pane, che nasce dalla premessa di rendere meccanica la produzione casalinga dall’impasto fino alla cottura. Si è addivenuti perciò, all’era della panificazione di massa, ma a quale prezzo?

Il risultato sono forme perfette di pane che annullano quella produzione variegata di cui l’Italia è portavoce,pagnotte somiglianti  a parallelepipedi privi di cuore e sostanza.

È proprio da questa presa di coscienza che si è passati alla rinobilitazione “dell’olio di gomito”, ovvero la lavorazione a mano, e di qui un fiorire di libri –Sara Papa docet- , di blog e annessi corsi di panificazione – Profumo di Lievito, Anice e Cannella per citarne alcuni, e primo fra tutti colui che ha ridato calore e anima prima alla pizza, poi al pane: il non plus ultra Gabriele Bonci.

Innumerevoli le tipologie di formato, di impasto  -metodo diretto, metodo semiindiretto-, di preimpasto –biga, poolish, lievitino-, l’utilizzo di farine grezze –farro, segale, kamut-, insomma la mania del pane ha contagiato un po’ tutti.

Farine deboli, farine forti, massa, impasto, pieghe, lievito: le parole chiave del mestiere.

Io penso sarebbe un bel momento educativo quello di inserire all’interno delle attività formative scolastiche un modulo sulla “Storia e tecnica del Pane”, come momento che darebbe a ciascuno due importanti insegnamenti: l’attesa e la dedizione. Non dobbiamo diventare professionisti panificatori, ma cogliere dal “pane quotidiano” le qualità che gli hanno permesso di giungere fino a noi. Elogio al pane.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...